Calligrafie visive

piero leonardi photo head

Calligrafie Visive è il titolo della mostra che ospita le fotografie di Piero Leonardi nell’ambito del programma del Photofestival 2014.  La personale si inaugura martedì 29 aprile 2014 presso la galleria Spaziofarini6  e Milano.

Di seguito il comunicato stampa giunto in redazione: “Con la semplicità e l’onestà di un bambino, Piero Leonardi ti prende per mano e ti guida, passo dopo passo, lungo il sentiero della sua narrazione, le cui tappe sono un po’ come quelle di Alice quando, inseguendo Bianconiglio, si ritrova in un mondo alla rovescia, dove il grande è piccolo, il piccolo grande e dove la festa è di “non compleanno”. Questo, per dirla con Carroll: un’avventura dove tutto si insegue sotto la spinta della “curiosità” e dell’immaginazione, dove “dentro allo specchio” c’è la storia e l’immagine riflessa è il pensiero.

Così Paola Zanchi riassume, nel testo critico, “Piero Leonardi e il punctum su Stile di Vista e Calligrafia Fotografica” – 2011, lo sguardo fotografico dell’artista, per il quale tutto si trasforma in una personale scrittura visiva.

E’ ai lavori di Piero Leonardi e alle sue “Calligrafie Visive” che la Galleria Spaziofarini6, da anni impegnata a scoprire artisti e a promuovere la cultura della Fotografia, in occasione di Photofestival 2014, dedica una personale.

La mostra riunisce due diversi percorsi di ricerca di Piero Leonardi.

In PURGATORY l’artista focalizza l’etereo, la solidificazione dell’aria e delle nuvole, la consistenza vaporosa della neve, raccoglie scatti sospesi tra definito e indefinito, materiale e immateriale, in fluidità chiaroscurali. Sotto il suo sguardo, gli elementi della natura trovano una loro nuova dimensione; intersezioni di linee si connettono quasi in un esercizio ludico naïf: alto-basso, sopra-sotto, in ogni-dove?

In GRAPHICS la grafia visiva di Piero Leonardi adotta elementi minimi, sedimenti residui, tracce incise nel bianco-vuoto quali segni di un alfabeto astratto e concettuale e l’artista si concentra sull’azione della luce e dell’ombra, sulla loro interazione, a volte sul loro ritmo – forme in contromovimento, effetti plastici, estroflessioni, micro-macro – in un’indagine che scava nella terra e nel tempo.

Il profondo rispetto per le dinamiche espressive della natura e per i reconditi messaggi che trasmette evoca e presentifica dimensioni “altre”, che Piero Leonardi individua con una sensibilità riflessiva e indagatrice.

La sua è una calligrafia visiva non “glossata” da interventi di postproduzione”.

La mostra chiuderà i battenti il prossimo 30 maggio.

Articoli Correlati

Log in | design by line22 Copyright FotoNote.it 2008-2017 - Tutti i diritti riservati - Line22 SRL - P.IVA 11629321008